voucher1

Landini: non ci sono vie di mezzo, i voucher vanno aboliti

Intervista a Repubblica: “Se il governo non ha il coraggio di cambiare strada, neanche di fronte al risultato del 4 dicembre, allora ci penseranno gli italiani con il referendum promosso dalla Cgil” “I voucher vanno aboliti. Non ci sono vie di mezzo. E se il governo non ha il coraggio di cambiare strada, neanche di fronte al risultato del 4 dicembre, allora ci penseranno gli italiani con il referendum promosso dalla Cgil”. Lo dice – intervistato da Repubblica – Maurizio […]

Almaviva, i lavoratori di Roma per la trattativa ma l’azienda licenzia

Il referendum sconfessa la decisione presa dai delegati sindacali. Ma il voto si è svolto con le lettere di licenziamento già spedite I lavoratori Almaviva di Roma hanno detto sì all’accordo con la multinazionale dei call center, ribaltando la decisione espressa giovedì scorso dai propri delegati sindacali: ma sono andati a votare con le lettere di licenziamento già in mano. Dando seguito infatti all’intesa firmata al ministero dello Sviluppo, che prevede un congelamento delle missive solo per il sito di […]

speranza-pd

Speranza: «Mi candido al partito non al governo, Renzi ha perso la sua spinta»

Parte il suo tour da Monfalcone: Matteo non è il mio candidato premier. Ci percepiscono come il partito amico dei potenti»Giachetti mi accusa di incoerenza sul Mattarellum? La sua mozione era solo un gesto ostile contro il governo Letta. E ora ci dà lezioni di disciplina di partito. Voucher da cambiare subito, e pure jobs act I dati sono chiari: serve reintrodurre le tutele contro l’ingiusto licenziamento «Sono rimasto colpito da un’intervista in tv di un operaio della Fincantieri che […]

L’anno della diplomazia e della politica a colpi di fake news e teorie del complotto

Questo pomeriggio il Segretario di Stato John Kerry terrà un discorso nel quale cercherà di delineare una strategia diplomatica per la ripresa dei colloqui israelo-palestinesi. Un discorso tardivo, come l’astensione al consiglio di sicurezza Onu, che prova a indicare una strada e, forse, a mettere qualche limite alle scelte della futura amministrazione Trump in materia. I critici sostengono che le ultime mosse di Obama e dei suoi siano un rischio proprio per le scelte future: il nuovo presidente, che ha […]

22-europa-podemos-foto-efe

Podemos a congresso per agganciare i conflitti del paese

Si scaldano i motori per il prossimo congresso di Podemos, il secondo della sua storia. Si terrà a febbraio, a Madrid, provocatoriamente in concomitanza con quello del Partito Popolare. Una consultazione tra gli iscritti ha già deciso le regole del gioco per l’assemblea di rifondazione del partito, perché non è stato possibile trovare un accordo tra i diversi settori, rappresentati da tre diversi documenti. Quello del leader Iglesias, «Podemos para todas» al femminile per strizzare un occhio al gruppo di […]

Inutili archi di trionfo

Gli archi di trionfo eretti appena dopo l’uccisione del jihadista Anis Amri, dal governo e dalle autorità italiane sono quantomeno fuori luogo. Tanto più in un clima islamofobico e giustizialista alimentato sia dalla peggiore stampa di destra che si appella ai “plotoni d’esecuzione”, titola “una bestia di meno” e invoca fantomatiche “Guantanamo d’Europa” (visto il grande risultato di quella americana); sia dal protagonismo neo-xenofobo pentastellato, che chiede semplicemente di cacciare “tutti gli irregolari”, chiudere le frontiere e sospendere Schengen. Più […]

Occidente: la riscrittura del passato

Si è così cancellata la storia documentata degli ultimi anni. Quella della guerra Usa/Nato contro la Libia, decisa – provano le mail di Hillary Clinton – per bloccare il piano di Gheddafi di creare una moneta africana in alternativa al dollaro e al franco Cfa Strage Berlino, perché il terrorista si è lasciato dietro i documenti?»: se lo chiede il Corriere della Sera, parlando di «stranezze». Per avere la risposta basta dare uno sguardo al recente passato, ma di questo […]

Contro il «complotto di Obama» 618 nuove case a Gerusalemme est

Israele/Usa/Onu. Dopo l’approvazione della risoluzione 2334 del Consiglio di Sicurezza, il premier israeliano Netanyahu cerca di impedire nuove mosse di Obama a sostegno del diritto internazionale. Il ministro della difesa Lieberman paragona la conferenza di pace di Parigi al Processo Dreyfus Israele continua a dare sportellate all’Amministrazione Obama e alle Nazioni Unite. E valuta le conseguenze concrete della risoluzione 2334 approvata la scorsa settimana dal Consiglio di Sicurezza grazie alla “storica” astensione degli Stati Uniti che hanno rinunciato, per la […]