url

Fassina: «Se il Pd perde è tutta colpa sua»

Amministrative Roma. Scoppia la pace, Sel serra le file intorno a Fassina. «M5S ambigui e minimalisti». Oggi candidati al Campidoglio a confronto su Sky. Sinistra italiana presenta un esposto all’Agcom contro Mediaset: esclusi da «Domenica Live» A sei giorni dal voto delle amministrative lo stato maggiore di Sel, e cioè la vecchia Sinistra ecologia e libertà, si presenta a ranghi serrati per ribadire il proprio sostegno al candidato di Sinistra per Roma Stefano Fassina. Accanto lui ci sono Nicola Fratoianni […]

renzi-referendum-si-510

La campagna per il Sì e la logica del nemico interno

L’ultima bordata del renzismo referendario è l’intervista a la Repubblica (29 maggio) a Enrico Franceschini, ministro dei Beni Culturali (chissà perché), ex Margherita, già candidato trombato alla segreteria PD, già bersaniano, rapidamente convertito al nuovo leader. Con sicurezza che assomiglia all’arroganza del capo, ormai cifra comunicativa della nuova classe dirigente del PD, il ministro ha detto la sua, ossia si è attenuto agli ordini di scuderia, non senza un tocco particolare. Non ha ripetuto la cronologia farlocca proposta per ben […]

Senato-elettivo

Referendum, Sì e No finalmente a confronto

Ieri si è tenuto uno dei pochi confronti tra sostenitori del Sì e del No al referendum costituzionale di ottobre. Luogo di incontro, promosso dall’Anpi e dalla sezione Pd Pietro Calamandrei, la Sala Trasparenza in Via della Libertà a Cesano Boscone. Il mio interlocutore è stato un deputato del Pd, Matteo Mauri. Ho esordito parlando della necessità che si moltiplichino i confronti tra il Sì e il No, come al tempo del referendum sul divorzio, per avere un voto consapevole. […]

SINISTRA ITALIANA LOGO-02

COMUNICATO. Milano per una Sinistra Italiana alternativa.

Sinistra Italiana vuole essere una forza politica di governo alternativa ai partiti oggi esistenti, non una stampella silenziosa e assertiva di un centro sinistra che non esiste più, né a Milano né a livello nazionale. Per questo riteniamo grave che all’iniziativa “Sinistra x Milano, sinistra x l’Italia?”, organizzata da una lista civica che appoggia il candidato sindaco del PD Beppe Sala, sia stato invitato il capogruppo di Sinistra Italiana alla Camera dei Deputati, on. Arturo Scotto. Il tentativo esplicito degli […]

044132046-b5ff6549-d868-41e6-b36a-75473b552e85

Che fine ha fatto il nostro ceto medio

L’indagine Demos-Coop. Per due persone su tre è inutile fare progetti a lungo termine.Cresce la percezione di appartenere ad una classe sociale più bassa Siamo diventati pessimisti. Nonostante i nostri governi, da oltre vent’anni, cerchino di tirarci su di morale. Prima Berlusconi: assimilava i pessimisti ai comunisti. Mentre oggi Renzi cerca di utilizzare le variazioni dell’economia e del mercato del lavoro, positive, per quanto lievi e contraddittorie, per sollevare il morale degli italiani e migliorare il clima d’opinione. Eppure, nonostante […]

bonus-80-euro-675

Bonus 80 euro, “lo Stato me l’ha chiesto indietro perché guadagno poco”. Un beneficiario su 8 costretto a restituirlo

La storia di Eugenia: per un anno ha avuto i soldi in più in busta paga, poi le hanno imposto di rimborsarli. Tutto in una volta. Allo sgravio ha diritto infatti chi ha un reddito tra gli 8mila e i 26mila euro all’anno. Chi è andato al di sotto o al di sopra deve ridare la somma all’Agenzia delle Entrate. Nel 2015 è successo 1,4 milioni di italiani: di questi, 341mila avevano percepito meno di 7.500 euro in un anno […]

Tornado-Ghedi-675-675x275

Italia fuori dalla Nato. Perché nessuno ne parla?

Nel 1949 a Washington fu firmato il Patto Atlantico cioè il trattato istitutivo della Nato. Oggi fanno parte della Nato 28 Stati. Come è noto il patto fu stipulato dai Paesi che con tale alleanza volevano creare un fronte anti Urss. Le guerre della Nato, dal giorno della sua costituzione, sono state diverse anche se sovente definite con un imbroglio semantico, “missioni di pace”. Come se la pace si costruisse con i carri armati invece che con il dialogo e la non violenza. […]

sanzioni

Sanzioni alla Siria. La UE dei pavidi

Com’era purtroppo prevedibile, l’Unione Europea ha perso l’ennesima occasione per darsi una fisionomia e una dignità e ha rinnovato le sanzioni contro la Siria decise nel 2011 e rilanciate nel 2014. Esse comprendono l’embargo sul petrolio siriano (che l’Isis invece esporta da anni verso la Turchia), il blocco degli investimenti, lo stop alle attività della Banca centrale di Siria, forti limiti all’esportazione verso la Siria di tecnologie, oltre al congelamento dei beni siriani all’estero e al blocco dei visti per […]