aderisci e sostieni!

29padello

Sveliamo il trucco del Grande Debito

Nel 2015, secondo l’Istat, le famiglie che in Italia vivevano in povertà assoluta sono diventate 1 milione e 582 mila, pari a 4 milioni e 598 mila persone, il numero più alto dal 2005. Sempre nel 2015, una ricerca Censis-Rbm calcola in oltre 11 milioni (coinvolto il 43% delle famiglie italiane) le persone che hanno dovuto rinviare o rinunciare a cure mediche adeguate, a causa delle difficoltà economiche. Nel medesimo anno, come in tutti gli anni precedenti, lo Stato ha […]

All’import-export del «modello» israeliano

Sicurezza, parola diventata mantra compulsivo in ogni teoria e attuazione pratica per politica, relazioni internazionali, diritto, economia. Una parola che è come un elastico, la tiri a seconda del bisogno, e quando lo molli, i danni collaterali sono drammatici. Per questo ogni volta che si tratta di sicurezza, in un contesto di guerra asimmetrica che entra fin dentro casa nostra, lo si deve fare con grande cautela, definendone la subordinazione ai diritti umani ed al diritto internazionale. Fa quindi pensare […]

Giuliana_Sgrena

E’ anche una guerra di religione

Sostenere che quella in corso non è anche una guerra di religione sarebbe come negare la storia, dalle Crociate in poi, e abiurare i testi sacri delle religioni monoteiste. Certo il papa fa il suo mestiere e usa la religione per predicare la pace. Del resto non c’è dubbio che dietro la religione si nascondano altri interessi: economici, geopolitici, di potere. Ma si può dire che la religione è estranea alle lotte di potere? Non lo è e non lo […]

160504131831-aleppo-burning-exlarge-169

Aleppo città aperta alla fuga

Siria. Mosca crea corridoi umanitari per i civili, Damasco l’amnistia per i “ribelli” che si arrendono. Al Nusra ufficializza l’addio ad al Qaeda per farsi leader di una coalizione jihadista. Al-Zahawiri conferma Corridoio umanitario e amnistia: la doppia proposta russo-siriana piovuta ieri su Aleppo è lo specchio del controllo che i due alleati si sono garantiti nelle ultime settimane. Un periodo nero per una città già massacrata dalla guerra civile e divisa tra governo e opposizioni (con l’Isis alla porta […]

tema-svolto-terrorismo

I senza dio della guerra

Di fronte al limite mai superato dell’uccisione in chiesa di un sacerdote, padre Jacques, il Giornale e Libero, fogli razzisti del populismo italiano, hanno titolato: «Hanno sgozzato dio», «Occhio, ti sgozzano in chiesa». Chiamando non al dolore ma all’odio. All’occhio per occhio, all’istigazione secondo l’equazione: arrivano i migranti, arrivano i terroristi. E sì che i preti ammazzati in chiesa se non addirittura sull’altare non sono pochi e non sono proprio omicidi con lo stigma criminale dello jihadismo che ha preso […]

BOLDRINI A AD FIAT, FABBRICHE CHIUDONO C'E' DISAGIO

C’è una nuova commissione, è sulle periferie

Camera. Oggi un parlamentare di Sinistra Italiana presenta un esposto contro Salvini per la perfomance (vergognosa) della bambola gonfiabile contro Laura Boldrini Voto bipartisan, con astensione di Lega e 5 stelle, sull’istituzione di una misteriosa commissione d’inchiesta parlamentare sullo stato della sicurezza e del degrado delle città. Esulta Area popolare che l’ha proposta. L’organismo ha un anno per «fotografare la realtà delle periferie e farne una mappatura, offrire alle istituzioni indicazioni sia sul piano della sicurezza che della prevenzione e […]

TOPSHOT-SYRIA-CONFLICT-KURDS-BOMBINGS

Est-Nato-Saud, triangolo delle armi

Siria. Cinquanta morti in un doppio attacco dell’Isis contro i kurdi a Qamishli, mentre un dossier rivela la vera via del terrore. La “rotta balcanica” attiva dal 2012 ha smerciato 1.2 miliardi di dollari poi arrivati a “ribelli” e islamisti Qamishli ci sono da seppellire 50 persone, uccise da un doppio attacco rivendicato dallo Stato Islamico. Nei video amatoriali la città – considerata capitale de facto di Rojava, il Kurdistan siriano che ha tentato la via dell’autonomia – mostra ferite […]

28padello-spalla

Se per Renzi il voto d’autunno diventa un rompicapo

Sul referendum costituzionale, non sarà facile per Renzi venire a capo di due insanabili contraddizioni: quella dello slittamento dell’oggetto dal merito al giudizio sul governo; e quello della effettiva centratura del confronto sui contenuti qualificanti della riforma. Egli si è reso conto dell’errore di avere personalizzato e politicizzato a dismisura il referendum quando, azzardo, immaginava che ciò gli giovasse, che la propria popolarità rappresentasse una decisiva carta vincente. Una presunzione/illusione fallace già allora, quando tutte le rilevazioni mostravano che egli […]